ANDROGYNYM (2016) di Nick Iway

Film indie horror e drammatico non convenzionale, ambizioso e coraggioso, che tratta un tema scottante e delicato, come l’identità di genere, senza scivolare nell’ovvietà e nel melodramma banale alla Ferzan Özpetek.
Seguiamo le vicende di Nym, un tuttofare della malavita, asservito al sesso e desideroso di nuovi incontri sessuali con belle ragazze. Dopo aver voltato le spalle al suo boss, quando quest’ultimo ha tentato di fregarlo, Nym si rifugia in se stesso. Solo, incapace di soddisfare il suo appetito sessuale Nym decide, in una notte di follia di evirarsi. Dopo giorni passati nel delirio, trova nel ragazzo della pizza a domicilio, John, un inaspettato ‘amico’, che gli regala un video di un film d’animazione realizzato da lui, che pur raccontando una storia fantastica finirà per divenire parallela agli eventi che accompagneranno d’ora in poi John e Nym, in particolare quest’ultimo, il quale in crisi d’identità personale e sessuale finirà per comportarsi sempre di più come una donna…….

Nym l’androgino e il timido John rappresentano una coppia non convenzionale in una storia estrema, perché sangue, gore e violenza sono onnipresenti nel corso del film, virando (ed evirando 😀) su territori quasi sconosciuti per il cinema horror indie.
Fantastica la parte animata della storia, realizzata in stile fumetto cartonato, semplice ma coinvolgente in quanto segue di pari passo le vicende dei protagonisti in carne ed ossa. La solitudine di Nym nella parte centrale e finale rappresenta la parte più drammatica della storia, grazie ad un’interpretazione importante da parte dell’attore (e regista del film) Nick Iway nei panni del protagonista, inaspettata nel cinema a basso costo.
Un film moderno e brillante, potente e disturbante che narra di una storia d’amore e d’amicizia particolare, aprendo nuovi orizzonti narrativi nel cinema indie estremo. Niente male, una gradita sorpresa! VALUTAZIONE 8/10

H.E.

LINK VOD by VIMEO: ANDROGYNYM

Precedente AVERE VENT’ANNI (1980) di Fernando Di Leo Successivo LOVERS BEYOND TIME (Erastes sti mihani tou hronou) del 1990 di Dimitris Panayiotatos