AUTO FOCUS (2002) di Paul Schrader

Film basato sulla novella di Robert Graysmith ‘Auto Focus: The Murder of Bob Crane’ a sua volta, come si evince dal titolo, ispirata alla vita autodistruttiva ed eccessiva dell’attore e uomo di spettacolo Bob Crane noto ai più, anche in Italia, per essere stato il protagonista della serie Tv “Gli eroi di Hogan”, che narrava in chiave ironica della vita di tutti i giorni di un gruppo di prigionieri di guerra in un campo di prigionia nazista, trasmessa negli USA dal 1965 al 1971.
Successo, fama, declino e finale shock per una vita esagerate e narrata, con maestria, da parte di Paul Schrader in questo film che inizia come una black comedy, prosegue come un dramma sempre più nero e finisce con il botto, senza mai rinunciare all’ironia proprio come il suo spavaldo protagonista.
Bob Crane è un affermato conduttore radiofonico, bravo batterista, ottimo padre di famiglia, cristiano praticante, non beve una goccia d’alcol. Dietro l’immagine positiva, Crane nasconde però un vizio segreto: è un fotografo amatore, e il soggetto che ama maggiormente rappresentare è la donna, soprattutto nuda, e in particolare i seni femminili. Una volta raggiunto il successo con la serie “Gli eroi di Hogan” e dopo aver conosciuto il tecnico video John Carpenter, darà vita a party privati sempre più erotici ed eccessivi. Tra orge, droga e video riprese senza freni, Bob Crane, spalleggiato dal suo amico, si troverà di fronte ad un bivio. Salvare la faccia di fronte al suo pubblico o assecondare i suoi istinti primordiali da dipendente compulsivo sessuale……

Greg Kinnear è semplicemente straordinario nei panni del folle Bob Crane, forse, proprio come Bob in “Hogan’s Heroes”, questa parte è la migliore della sua carriera. Eccentrico, privo di moralità e anima ribelle dalle battute taglienti, finirà per alzare continuamente l’asticella della nostra attenzione durante la visione. Ottima anche la prova del suo degno compare Carpenter, interpretato da un WIlliam Dafoe in gran forma.
Un dramma biografico su una metamorfosi umana dovuta al successo ma anche ad un istinto impossibile da reprimere.
Le battute e situazioni tragi-comiche si sprecano, quelle erotiche e più spinte pure, permettendo così al film di non scivolare mai nella volgarità o nella commedia banale e demenziale in stile eroi di Hogan. Musiche, costumi e ambientazioni sempre in linea con i due decenni, ’60 e ’70, rappresentati nel film. Se conosciamo la storia vera il finale è prevedibile ma rimane lo stesso un pugno allo stomaco. Filmone e “Un giorno senza sesso è un giorno sprecato”  ! VALUTAZIONE 8,5/10

H.E.

COMPLETO (italiano): AUTO FOCUS 

COMPLETO SUB ITA: AUTO FOCUS

DVD: AUTO FOCUS

Precedente PERSEVERATION (2013) di Adam Sotelo Successivo NARCO CULTURA (2013) di Shaul Schwarz