BELLFLOWER (2011) di Evan Glodell

Film costato solo $ 17.000, senza attori famosi, opera prima ed unica di Evan Glodell, il quale è anche il protagonista del suo film. Woodrow e Aiden sono due ragazzi cresciuti nel fisico ma mentalmente bloccati in un mondo tutto loro, dove sognano di costruire, e ci riusciranno, un lanciafiamme, acquistare un’auto post apocalittica per la loro banda “Madre Medusa” e armi alla MAD MAX. Il loro mito non è Max, interpretato da Mel Gibson nella storica saga, ma bensì Lord Humungus, il cattivo mascherato del secondo film di MAD MAX del regista Gorge Miller.
Quando Woodrow incontrerà ad una festa la bella Milly e finirà per innamorarsi di lei. Dopo un periodo felice la mente di Woodrow inizierà a vacillare quando troverà la sua ragazza MIlly con il suo ex co-inquilino. Fuggito a bordo della sua moto finirà per avere un incidente quasi mortale. Rimasto solo in compagnia del suo amico Aiden e con serie lesioni al cervello, inizierà una discesa nella paranoia e nella pazzia che rischieranno di trascinarlo in un vortice mentale che miscela odio e violenza…..

Bellflower, il titolo del film, indica la via dove vivono Woodrow e Aiden. Nonostante i pochi mezzi e attori per realizzare questo indie movie, la pellicola funziona e bene. Nella prima parte seguiamo questi personaggi cazzoni e scanzonati che vivono come dei sedicenni, dove la costruzione, obiettivo inizialmente primario per loro due, di un lanciafiamme avviene a seguito della venerazione della banda di cattivi di Lord Humungus. Quando la realtà si scontrerà con la fantasia, annebbiata dai problemi cerebrali di Woodrow inizia la seconda parte, quella più accattivante, imprevedibile che ci trascinerà assieme al protagonista in un mondo scombussolato dove la violenza, come nel mondo fittizio di Mad Max, sembra essere l’unica soluzione possibile e fattibile. Il cambio di passo dalla prima alla seconda parte finisce per essere coinvolgente e convincente, giungendo ad un finale ‘particolare’ che lascia, in maniera brillante, allo spettatore la parola fine,
Film indipendente brillante ed originale senza virtuosismi tecnici o sceneggiature contorte. Promosso! VALUTAZIONE 8/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: BELLFLOWER

 

 

 

Precedente CHERRY TREE LANE (2010) di Paul Andrew Williams Successivo HANNAH HOUSE (2002) di Chad Smith