CHANNEL 309 (I-III) del 2014 di Marco Malattia

13680694_116564112112431_5976549945418985090_n

Uno degli autori più singolari nel panorama recente della video arte estrema, è sicuramente l’italiano Marco Malattia. Questo suo CHANNEL 309 (I-III), distribuito dalla prestigiosa Black Lava Entertainment( la stessa che promuove i film di Lucifer Valentine), rappresenta uno dei lavori più interessanti del circuito video del porno hardcore ed estremo attuale.

 

13645121_116564262112416_6512550129213990596_n 13654399_116564275445748_8014503050099409588_n

Non si tratta di un vero e proprio film, ma di una raccolta di tre episodi (dalla durata di 15 min), senza un trama definita o di continuità tra loro, con rappresentazioni artistiche di porno hardcore estremo, dove sono presenti grandi quantità di liquidi corporei (sperma, urina, saliva, vomito), maschere artistiche (notevoli), torture, violenze e masturbazioni frenetiche. Il tutto accompagnato da musiche ossessive house-industrial, che ricordano vagamente quelle presenti in THE BUNNY GAME di Adam Rehmeier. I tre episodi sono principalmente in bianco e nero, ma ogni tanto, nel terzo episodio principalmente, abbiamo qualche sfumatura di colore, forse per distinguere meglio i succitati liquidi corporei tra loro. La violenza è ben presente, e per questo motivo la visione è sconsigliabile ai più impressionabili.

13659041_116564155445760_2612426226172116162_n 13668978_116564335445742_6192838561338074661_n

Il lavoro del Malattia risulta esteticamente di buona qualità, soprattutto nelle sequenze più hard ed in quelle dove sono presenti le torture fisiche con armi da taglio ed oggetti “divaricatori”. La scelta di non mostrare mai il volto degli attori e attrici presenti, risulta assolutamente vincente, grazie anche a delle maschere bellissime ma inquietanti. Elastici, nastro adesivo, ‘collari conici’, animali morti ed insetti, completano il tutto in maniera accattivante ed originale. In conclusione è una raccolta che merita la visione, soprattutto se si vuole alzare l’asticella delle proprie visione estreme. L’assenza di trama però ne influenza il giudizio finale. VALUTAZIONE 7,5/10

H.E.

 

 

13692465_116564635445712_3862758283447924683_n

I commenti sono chiusi.