COLD FISH (2010) di Sion Sono

14492461_258327107901526_4439147660955229187_n

La società moderna equivale ad un gigantesco acquario, dove il pesce più grande o più affamato, è destinato a divorare il più piccolo e debole, a meno che, quest’ultimo la smetta di essere un pesce e si trasformi in un “cane di paglia”!

 

14432978_258324867901750_516619746731530816_n 14448837_258324654568438_841735357510339851_n

Uno dei più grandi registi contemporanei, Sion Sono, nel 2010 ci regala un’opera titanica e mostruosamente affascinante, che coniuga il dramma più disturbante al gore più estremo, senza rinunciare alla critica, non troppo velata, alla società attuale ed in particolar modo al capitalismo e commercio più becero, dove il proliferare continuo di nuove società è in realtà una maschera di facciata per permettere agli squali della finanza di divorare i pesci piccoli.
La storia (ispirata da fatti realmente accaduti) ruota attorno a due proprietari di prodotti ittici ed acquari, Nobuyuki Shamoto e Aiko Murata. Il primo vive un rapporto difficile e apatico con la sua famiglia, con la nuova moglie e la difficile figlia che non accetta la nuova compagna del padre. Il secondo è un affarista senza scrupoli, il quale dopo un pretesto costringerà il mite Nobuyuki ad entrare in affari con lui. Nobuyuki scoprirà a sue spese di avere a che fare con un pazzo serial killer che uccide i vecchi soci in affari, aiutato dalla moglie, riducendoli in poltiglia e occultandone ciò che resta dei corpi…..

 

14448889_258324601235110_4190046950200234130_n 14469449_258325697901667_3406729111820207245_n

Nonostante la durata, due ore e mezza, il film scorre che è una meraviglia con dialoghi e recitazioni spettacolari e coinvolgenti.
L’evoluzione del nostro protagonista, Nobuyuki, richiama fortemente quello interpretato da Dustin Hoffman in STRAW DOGS (Sam Peckinpah), da uomo vile ed innocuo, pesantemente umiliato e sbeffeggiato, si trasformerà nel succitato ‘cane di paglia’, con li rischio, una volta incendiato, di non spegnersi più. COLD FISH forse, almeno per chi scrive, supera quel capolavoro, perché abbraccia più tematiche coniugando perfettamente il gore al genere drammatico ed al sociale.

 

14485087_258324737901763_8736382766560413904_n 14495399_258326791234891_7227196865002444646_n 14495420_258324684568435_126223684848970724_n

Brillante la purificazione e salvezza del peccato (in questo caso l’omicidio) attraverso la religione, in questo caso un mini santuario di candele e madonne varie. Geniale!
Un film di rara bellezza e con una forza devastante difficile da replicare, che merita di stare nell’olimpo del cinema, non solo estremo. Capolavoro assoluto del maestro Sono e dei giorni nostri, senza e senza ma! VALUTAZIONE 10/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: COLD FISH

 

 

Precedente CHANNEL 309 (I-III) del 2014 di Marco Malattia Successivo THE GREEN ELEPHANT (Slonik Zelyonyy) del 1999 di Svetlana Baskova