DEATH BODY (2007)

Altra serie di shockumentary maledettamente estremi e senza pudore alcuno, è la famigerata, made in Japan, DEATH FILE. Uno dei capitoli visivamente più insostenibili è questo DEATH BODY, della durata di circa 44 min. Il doc è un collage di sequenze video, senza logica e narrazione alcuna, veramente scioccanti, con riprese di persone decedute, adulte e ahimè anche di bambini. Anche se il video è giapponese, le riprese variano per luogo ed epoca. Purtroppo senza sub eng o didascalie comprensibili è difficile appurare esattamente il luogo delle riprese, ma forse la conoscenza dell’origine di tali atrocità è spesso irrilevante. Questo doc shock parte fortissimo, con una scena difficile da dimenticare, il ritrovamento, presso un laghetto, di un ragazzo in piena decomposizione, tutto gonfio e con gli occhi strabuzzati.

In tutto sono circa 15 video diversi, si va dalle fosse comuni della seconda guerra mondiale a quelle improvvisate in Africa dopo un disastro naturale, da un cadavere scoperto all’interno di un bagagliaio alle esecuzioni di massa nelle guerre civili dell’ex Jugoslavia. Un collage estremo sulla morte, senza alcuna censura o visione oscurata, dove gli occhi dei defunti vengono spesso mostrati con una fermezza e freddezza allucinante. Consigliato? Solo alle persone avvezze ai documentari e shockumentary più disumani. Astenersi tutti gli altri. VALUTAZIONE 7,5/10

H.E.

I commenti sono chiusi.