DEBBIE DOES DAMNATION (1999) di Eric Brummer

Titolo che richiama irrimediabilmente al celebre film pornografico del 1978 “Debbie Does Dallas” di Jim Clark, un piccolo omaggio da parte del regista Eric Brummer, autore di decine di film XXX di bassa lega, escluso però questo DEBBIE DOES DAMNATION, film sperimentale che amalgama horror, fantasy, soft porno e soprattutto animazione in stop-motion con tanto di pongo e cartapesta amatoriali.

La giovane e bella Debbie si suicida e finisce all’inferno. Giunta nel mondo infernale si ritrova bel mezzo di una lotta di potere. Il diavolo le chiede aiuto con la forza per riprendere il controllo del suo regno, usurpato dai suoi ex-gregari, Klegor e Tansitor, i quali si sono spartiti l’inferno a metà, ma il caos regna sovrano……

Film totalmente in bianco e nero che alterna personaggi in carne e d’ossa ad altri d’animazione, anche nel corso della stessa sequenza. Nudità e scene erotico-porno sono alquanto contenute considerato il curriculum del regista, il quale predilige un’atmosfera più fantasy, surreale e bizzarra per questo suo film, dove non disdegna, per fortuna, anche il gore, la violenza ed un pizzico di trash.

Mostri e personaggi bizzarri a profusione, come il “cervello-ragno” portavoce del diavolo, valchirie e guerriere senza veli, erotomani, cavalieri improbabili e oggettistica che più assurda non si può, vedasi il ‘sigaro-occhio’, ci accompagnano in questo viaggio surreale e grottesco d’altri tempi. Le informazioni di questi film online sono scarse e perfino la data d’uscita presenta date diverse (1991 o 1999??). Nell’unica versione recuperabile online abbiamo alla fine del film (della durata di circa 50 min) dieci minuti del “dietro le quinte”, dove il regista mostra anche alcuni particolari della tecnica d’animazione in stop-motion presente nella pellicola. Lontano dall’essere un filmone, DEBBIES DOES DAMNATION è un low-budget singolare, simpatico, curioso, rarissimo e da vedere senza grosse pretese! VALUTAZIONE 6,5/10

H.E.

COMPLETO (no subs): DEBBIES DOES DAMNATION

 

 

Lascia un commento

*