FEROZZ: THE WILD RED RIDING HOOD (MOLINA’S FEROZZ) del 2010 di Jorge Molina

 

Cappuccetto Rosso in versione Extreme. Jorge Molina, regista cubano avvezzo al genere erotico e pornografico, dopo aver studiato da giovane nelle scuole di cinema sovietiche, sforna un’opera unica che miscela sapientemente e con audacia grottesco, erotismo, zoofilia, incesti, stupri, abomini e stregoneria varia, utilizzando come spina dorsale della storia proprio la celebre favola, con tanto di lupo cattivo, nonna e naturalmente la fanciulla Cappuccetto Rosso, ovvero la giovane Miranda.

Nel profondo entroterra cubano seguiamo la storia di una famiglia decisamente complicata e disfunzionale. A tenere le redini della famiglia ci pensa la nonna, una sadica ubriacona avvezza alla stregoneria. Il figlio, Lucio, è un ubriacone come la madre ed incline alla violenza, istigato dalla vecchia strega della madre, contro la moglie Dolores e la figlia Miranda. A completare il quadretto familiare ci pensa Dully, uno svitato e ritardato mentale opera di un incesto tra la vecchia megera e Lucio. Quest’ultimo, dopo una notte di violenze ed abusi nei confronti della moglie Dolores, perde la vita mandando fuori di senno la nonna. Unica speranza per la famiglia disastrata è lo zio Inocencio, il quale decide di guidare la famiglia disagiata. Relegata in una casetta in mezzo al bosco, la vecchia megera non rinuncia alla magia nera per vendicarsi di Dolores, utilizzando la figura minacciosa del Caguero, mezzo uomo e mezzo lupo, per colpire Dolores e Miranda. Costretta quest’ultima a portarle il fatidico cestino con il pasto attraversando il bosco fatale….

Opera censurata in diversi paesi ed oggetto di svariate denunce, in quanto la ragazza che interpreta Miranda nel film era effettivamente minorenne all’epoca della sua realizzazione. Tutto questo non ha evitato la distribuzione su larga scala di questo strepitoso film, che esagera in tutto. Scioccante ed inquietante il protagonista uomo che interpreta la nonna malefica, disturbanti le sequenze zoofile che vedono protagonista Miranda e un cucciolo di cane, nudità e erotismo in gran quantità, sacrifici animali e umani non mancano, violenza gratuita e primordiale immersa in un ambiente selvaggio e primitivo, dove le leggi non esistono e lo sfogo sessuale e lussurioso sembra all’ordine del giorno.

Pellicola singolare e maledetta non destinata al grande pubblico, probabilmente a rischio turbamento da tali abomini di una famiglia devastata in tutto e per tutto. Forse alcune recitazioni non appaiono eccelse e alcuni effetti speciali non sono perfetti, ma l’impatto visivo è devastante e fa la sua porca e sporca figura. Un film estremo e grottesco proprio dell’altro mondo, destinato ad entrare nelle migliori classifiche di lungometraggi estremi, weird e disturbanti. Hasta l’estremo siempre 😀 ! VALUTAZIONE 9/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: MOLINA’S FEROZZ + SUBITA

Precedente HOUNDS OF LOVE (2017) di Ben Young Successivo IL GRANDE SILENZIO (1968) di Sergio Corbucci