FLESH FOR FRANKENSTEIN (1973) di Andy Warhol & Paul Morrissey

Incesto, necrofilia, gore, orge, decapitazioni e chirurgia estrema senza limiti …… questo ed altro ancora in uno degli horror gotici exploitation più esagerati, scioccanti e folli di sempre.
Nato da una co-produzione franco-italiana-americana, con una regia multipla (Andy Warhol, Paul Morrissey e Antonio Margheriti), questa rivisitazione estrema del mitico romanzo Frankenstein di Mary Shelley, rimane ancora oggi uno dei film più geniali di quel decennio, in quanto riesce ad essere grottesco, horror, scioccante, provocatorio, raccapricciante e sanguinario in un colpo solo, regalando anche siparietti simpatici ed erotici decisamente brillanti. Merito della riuscita, oltre al coraggio dei cineasti sopra citati, alcuni attori icone del genere exploitation e non solo, come il grandissimo Udo Kier, nei panni del dottor Frankenstein, e Joe Dallesandro, nei panni, come al solito, del donnaiolo di turno, senza dimenticare un’apparizione silenziosa di una giovane e provocante Dalila DI Lazzaro.
Serbia, primi anni del’800. Il barone Frankenstein vive con la baronessa (moglie/sorella) ed i loro due figli. Sogna una super-razza di matrice Serbia purissima. Nel suo laboratorio, coadiuvato dal viscido Otto, costruisce un corpo femminile desiderabile, ma ha bisogno di un maschio che sia sessualmente insaziabile, al fine di generare i primogeniti della nuova razza serba ‘perfetta’ ……
Se da una parte la pellicola regala una quantità infinita di gore, budella e nudità senza censura, dall’altra non perde mai quella strana ironia sottile e macabra, quasi a prendersi gioco del genere cinematografico horror gotico dei decenni precedenti, complice un Udo Kier sopra le righe e perfettamente calato nel ruolo del dottore pazzo. Una versione più feroce e qualitativamente migliore delle pellicole sanguinarie e splatterose di Herschell Gordon Lewis, più simile per efferatezza e follia al cinema giapponese più controverso dell’epoca.
FLESH FOR FRANKENSTEIN (sorvoliamo sul titolo italiano da commedia balorda) rimane ancora oggi un’opera fondamentale, unica ed irripetibile per tutti gli appassionati di film estremi, erotici, grondanti sangue e ricchi di …… carne fresca! Fondamentale! VALUTAZIONE 9/10

 

H.E.

Precedente VIRUNGA (2014) di Orlando von Einsiedel Successivo THE LESSON (Urok) del 2014 di Kristina Grozeva & Petar Valchanov

Lascia un commento

*