GRAPHIC SEXUAL HORROR (2009) di Barbara Bell & Anna Lorentzon

Non poteva esserci titolo migliore, GRAPHIC SEXUAL HORROR, per racchiudere con solo tre parole questo documentario dedicato al più celebre sito online dedicato al bondage, ‘insex.com’. Fondato da Brent Scott nel 1997, questo sito web è divenuto famoso, tra le altre cose, per essere stato il primo a divulgare in streaming i video delle performance BDSM con funzioni interattive dal vivo ed in presa diretta. Il sito sarà online per 18 anni, raccogliendo attorno a sé migliaia di iscritti ed appassionati del genere, ma purtroppo chiuso nel 2005 da parte del ‘Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti’.

Nel corso del documentario sono intervistati i protagonisti di questa ascesa fuori dal comune. Inoltre vengono mostrati video originali ed inediti del dietro le quinte, mettendo più volte in primo piano il lato umano e personale delle sottomesse a questi giochi sadomaso spesso al limite. Visioneremo, per la gioia degli occhi estremi, catene, corde, fruste, dildi e sex toys estremi, gabbie, annegamenti, peperoncino nelle parti intime, maschere in lattice o pelle, torture di varia natura e tutto quanto ruotava attorno a queste incredibili performance fisiche e psicologiche. Un’analisi limpida e genuina di un mondo considerato dalla massa spesso perverso e malato. Mostrato e narrato attraverso le voci degli autori e ‘vittime’ di queste torture erotiche ed affascinati, parte di un vero e proprio lavoro a tutti gli effetti, in sicurezza totale ed in perfetta simbiosi torturatore e torturata. Cuore ed anima un pioniere del genere, Brent Scott, un personaggio tutt’altro che impeccabile e perfetto, ma divenuto un punto di riferimento del settore online bondage, elogiato ed ammirato più volte nel documentario anche dal fondatore di un altro sito online famoso dedicato al genere sopra citato, Peter Acworth di ‘Kink’ (Ved. documentario KINK). Per quanto concerne Brent Scott, oltre al particolare ricordo d’infanzia afferente il suo primo approccio con il bondage ed alle sue mirabolanti fantasie estreme trasformate in realtà, a colpire sono i rapporti dietro le quinte con le sue partner, attrici e performers, dove il lavoro singolare si intersecava pericolosamente con la realtà. Visivamente potente, esteticamente curatissimo e privo di censure bigotte, GRAPHIC SEXUAL HORROR è un lavoro dalla visione fondamentale per tutti gli appassionati del BDSM e del tanto ricercato connubio ‘piacere & dolore’! VALUTAZIONE 8/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: GRAPHIC SEXUAL HORROR + SUBITA

(sottotitoli in italiano ad opera di Sottotitoli di davidedantonio1 e SubIta FrancescoVecchi)

Precedente DOGMAN (2018) di Matteo Garrone Successivo SAUNA (2008) di Antti-Jussi Annila