JUST, MELVIN: JUST EVIL (2000) di James Ronald Whitney

Documentario crudo, inquietante e maledettamente reale su una storia ultra decennale di abusi e molestie sessuali a figli, figliastri (minorenni) e mogli ad opera di un diavolo travestito da uomo, tale Melvin Just. Crudo perché mostra, attraverso numerose interviste, il male assoluto all’interno di una famiglia allargata devastata e disastrata. Inquietante perché nessuno è riuscito a fermare il diavolo nelle sue atroci azioni. Reale perché alla regia del documentario vi troviamo una delle vittime degli abusi ad opera del succitato diavolo, il nipote James Whitney. Il mostruoso nonno, accusato più volte di omicidio e di abusi e molestie, viene intervistato qualche giorno prima della sua morte proprio da suo nipote lungo un pontile, negando tutte le accuse ad opera delle sue ex moglie, figlie, figliastre e nipoti. Se Il regista appare il più lucido, nonostante il racconto dell’abuso subito a 5 anni in cantina ad opera del nonno sia da far tremare i polsi, il resto della famiglia appare parecchio disastrato. Dove alcool, droghe e farmaci hanno rappresentato per le figlie e figliastre di Melvin una via di fuga autodistruttiva e deleteria, anche perché Melvin, dopo aver abusato di loro quando erano minorenni, le costringeva a prostituirsi.

Un albero malato sin dalle sue radici, in quanto si vocifera di abusi subiti in tenera età da parte di Melvin da parte del suo stesso nonno. Una catena del male che mostra ancora una volta come un pedofilo che abusa di un bambino rischia di trasformare quest’ultimo in un potenziale pedofilo. Il tema trattato è delicato e rischia, per la formula succitata, di nascondere tale abusi per paura e vergogna, non permettendo alla giustizia di fare il proprio corso.

Non solo abusi sessuali e violenze psicologiche di varia natura da parte del padre padrone nei confronti delle ex moglie, ma anche tentati omicidi, suicidi sospetti e vendette trasversali pericolose. Irreale il funerale del nonno Melvin con insulti alla sua memoria da parte di sua figlia ubriaca e con tanto di bottiglia di whisky in mano, che lo accusa apertamente mentre il parroco ne loda la vita di gran lavoratore e bravo padre di famiglia. Purtroppo James non è riuscito a far confessare il nonno dei suoi peccati, ma ha messo in luce quanto ha inciso Melvin sulla vota miserabile di quasi tutti i suoi eredi e figliastri vari. Un documentario importante, coraggioso e durissimo di un regista che non si vergogna a mostrare un mostro reale, anche se legato alla sua famiglia disfunzionale, purtroppo distrutta da decenni di abusi e violenze! VALUTAZIONE 9/10

H.E.

COMPLETO SUB ENG: JUST, MELVIN: JUST EVIL

Precedente THE TREATMENT (2014) di Hans Herbots Successivo THE DEMOLISHER (2016) di Gabriel Carrer