LA FIAMMIFERAIA (Tulitikkutehtaan tyttö) del 1990 di Aki Kaurismäki

Ultimo capitolo (dopo OMBRE NEL PARADISO e ARIEL) della ‘trilogia dei perdenti’ di Aki Kaurismäki, regista finlandese che predilige mostrare nei suoi film gli ultimi e appunto i ‘perdenti’, quelli spesso emarginati ed alieni dalla società che li circonda. Già il titolo, che richiama irrimediabilmente alla memoria la triste e celebre favola della piccola fiammiferaia di Hans Christian Andersen, non promette nulla di buono. Una storia misera, triste ed avvilente, come poche altre, quella della sfortunata protagonista Iris, dove finiremo per rimanere inermi e scioccati da quanto male la circonda ma che inevitabilmente la porterà, al contrario della piccola fiammiferaia di Andersen, a reagire in maniera drastica, risolutiva e letale.
Finlandia, 1989. Mentre il mondo vive rivoluzioni ed enormi cambiamenti politici, Iris lavora nella catena di montaggio di una fabbrica che produce fiammiferi. Un lavoro che le permette di mantenere la madre ed il patrigno disoccupati ma sempre pronti ad umiliarla e denigrarla alla prima occasione. Stanca della sua vita senza luce alcuna, Iris, contro il volere del suo patrigno, acquista un vestito per uscire la sera e non sembrare una disperata. Durante una serata in un locale conosce un uomo, con il quale ha un fugace incontro sessuale. Successivamente lei spera che lui diventi il suo fidanzato. Purtroppo per Iris, lui la considera solo una delle tante. Quando iris scoprirà di essere rimasta incinta e non troverà nessun supporto da parte dei genitori e del suo ‘amico’, un ulteriore evento catastrofico la costringerà a prendere una decisione estrema ……..
La durata breve (69 minuti) ed una regia essenziale e mai banale, ci lasceranno attaccato addosso un disagio esistenziale e di sofferenza dell’anima assoluto, dove lo stomaco finirà per contorcersi per lo fastidio mostrato dai personaggi viscidi e carichi di cinismo che circondano la povera Iris. L’arma più letale e denigratoria che ferirà senza cure Iris finirà per essere l’indifferenza degli altri, accentuata dai pochi frangenti di amore che mostrerà nel suo volto (leggendo un libro o ballando con il suo incontro occasionale). Gesti semplici ma che racchiudono un’infinità di sofferenze e malessere interiore causate da una solitudine repressa devastante e distruttiva. Se la prima parte mostra tutto questo, la seconda è una mazzata micidiale che lascia atterriti, dove il rischio di esultare per come si comporterà Iris nei confronti dei suoi detrattori sarà fortissimo.
LA FIAMMIFERAIA apparirà nel finale come un’anomala pellicola revenge, amarissima e senza vincitori. Un ‘disturbing drama’ grandissimo, totale ed enorme nella rappresentazione scarna ma efficace dei contenuti presentati, finendo per colpirci duramente e contemporaneamente cuore, anima e stomaco senza sosta. Opera micidiale! VALUTAZIONE 9,5/10

 

H.E.

Precedente MAGIA NUDA (MONDO MAGIC) del 1975 di Angelo e Alfredo Castiglioni & Guido Guerrasio Successivo YOUR FLESH, YOUR CURSE (2017) di Kasper Juhl

Lascia un commento

*