MAI-CHAN’S DAILY LIFE: THE MOVIE – VERSIONE UNCUT del 2014 di Sade Satô

m1

Mai-Chan’s Daily Life è un manga estremo-erotico molto popolare in madrepatria, il Giappone, terra fertile per depravazioni e follie, su carta e pellicola. Mai Chan, protagonista di questo film ispirato al citato manga, è una giovane ragazza che può guarire rapidamente da ferite e mutilazioni orrende, compresa la capacità di rigenerare arti amputati e mutilazioni estreme. Lavora come ‘cameriera’, e non solo, presso un ricco signore in carrozzina e destinata, suo malgrado, ad essere oggetto di sadici giochi, anche sessuali, ad opera di altre ragazze, compresa una maestra del BDSM estremo e della tortura, compagna del padrone di casa, il quale si eccita solo martirizzando e torturando la povera Mai Chan.
Un giorno Miyako, una giovane ragazza alla ricerca di un lavoro su Internet, affascinata dalla ricca proposta letta su internet, accetta di lavorare come cameriera nella lussuosa villa del succitato riccone in carrozzina, al fianco di Mai Chan…….

m2 m3 m4 m6

La versione UNCUT (63 minuti) inizia in maniera pesante, con circa 8 minuti di pesanti torture e mutilazioni subite dalla povera Mai Chan da parte di una sconosciuta ragazza e della mistress sadica, compagna del padrone di casa. In pratica la parte mancante nella versione CUT di soli 55 minuti.
Il regista predilige, ben consapevole di navigare in acque low budget, una regia pulita e semplice, senza virtuosismi tecnici esclusa l’alternanza continua tra bianco&nero e colore, prediligendo, almeno inizialmente, il B&N nelle scene più estreme e cruente, realizzate discretamente.

m8 m9 m10 m11

Mutilazioni, cannibalismo, sesso estremo e depravazioni a non finire soddisferanno i palati più esigenti del cinema estremo, chiudendo un occhio (non come farà Mai Chan 😀 ) su alcuni dialoghi e recitazioni non proprio di alta scuola cinematografica.
Un piccolo film dove il gore più sanguinario la fa da padrone, soprattutto nella delirante sequenza finale. Gioiello! VALUTAZIONE 8/10

H.E.

 

m12

Precedente AMERICAN GUINEA PIG BLOODSHOCK (2016) di Marcus Koch Successivo CAT SICK BLUES (2015) di Dave Jackson