MANIC (2001) di Jordan Melamed

Dramma a basso costo girato in maniera sporca, ruvida e frenetica in uno stile documentaristico che apparirà più che consona alla trama e ai numerosi personaggi presenti.
Lyle è un ragazzo, ancora minorenne, pieno di rabbia. Dopo aver battuto massacrato un suo coetaneo durante una partita di baseball Lyle si è rinchiuso in un istituto mentale giovanile. All’interno dell’ospedale, Lyle incontrerà un gruppo di adolescenti che lottano, come lui, con problemi mentali, comportamentali e di varia natura….
Joseph Gordon-Levitt, il protagonista Lyle, sembra preparare il terreno per il futuro, MYSTERIOUS SKIN di Gregg Araki, dove il ruolo di ragazzo difficile, tormentato e irrimediabilmente solo sembra cucito su misura per lui.
Un film che alterna momenti leggeri ad altri intensi e furiosi, con risse, scontri fisici e verbali accessi, amori, amicizie, paure, riflessioni amare e passati scomodi destinati a tornare prepotentemente a galla per Lyle, i suoi compagni dell’istituto e anche il loro insegnante e guida principale, il dottore Monroe interpretato alla grande da Don Cheadle. Una visione profonda ed estrema del disagio giovanile, dove rabbia, alienazione, depressione, abusi e conflitti generazionali sono destinati a mordere sempre i più deboli mentalmente.

Unico film diretto da questo regista ed è un peccato, Jordan Melamed, ed è un peccato tremendo, perché riesce con naturalezza e semplicità ad immedesimare lo spettatore nei mali oscuri che albergano in Lyle e negli altri giovani e rendere consapevoli delle difficoltà estreme che si annidano nelle menti dei giovani e giovanissimi in difficoltà e privi di figure materne o paterne in grado di guidarli nel mondo degli adulti. Un piccolo grande film sottovalutato e poco conosciuto che merita di essere recuperato. VALUTAZIONE 8,5/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: MANIC + SUBITA

Lascia un commento

*