POPULATION ZERO (2016) di Julian T. Pinder & Adam Levins

Docu-film sulla scia di mockumentary estremi alla THE POUGHKEEPSIE TAPES (2007, John Erick Dowdle) e MEGAN IS MISSING (2011,Michael Goi) ma anche dei documentari “ambientalisti” di denuncia del maestro Herzog.
Vero o falso non importa, ed è veramente secondario in questo lavoro opera di due registi provenienti da due mondi differenti, il cinema horror l’uno ed il mondo dei documentari di denuncia l’altro. La fusione perfetta!
Nel 2009 tre ragazzi sono stati uccisi in una parte remota del parco nazionale di Yellowstone. Le autorità non hanno trovato subito l’assassino, è stato lui a trovare loro ed a costituirsi dopo poche ore dal triplice omicidio. Dwayne Nelson ha confessato il delitto mostrando prove di colpevolezza chiare e senza dubbio alcuno. Nonostante questo Nelson non è stato imprigionato o condannato, a causa di una scappatoia nella Costituzione americana. Il documentarista Julian T. Pinder viaggia a Yellowstone alla ricerca della verità dietro un crimine che avrebbe dovuto scuotere la nazione ed invece è stato insabbiato dalle autorità e non solo…… Quello che scoprirà e scoperchierà sarà un vero vaso di pandora di marciume e dolore………

Un documentario che parte in sordina e vuole giocare con i nostri sentimenti senza riuscirci troppo bene, almeno nella prima parte, perché nella seconda quando i due registi stringono il cerchio attorno a Dawyne ed alle sue motivazioni, la storia prende una piega inaspettata, crudele e di denuncia feroce sul sistema energetico americano.
Il titolo POPULATION ZERO deriva da un cavillo legislativo, che obbliga lo stato a mettere in piedi una giuria composta di 12 persone appartenenti però allo stato dove è avvenuto il misfatto. Purtroppo per le vittime ed i loro familiari il triplice omicidio è avvenuto nella “zona morta” del parco nazionale di Yellowstone, con appunto zero abitanti.
Il finale shock e rivelatore merita parecchio, e compensa una prima parte troppo confusionaria e troppo accademica.
L’immagine emblematica, ispiratrice di questo documentario, dell’oro che insegue un bisonte bruciacchiato diventa specchio e punto di riflessioni sulla natura avida e senza scrupoli dell’uomo moderno. Veramente niente male questo mockumentary, da vedere senza se e senza ma! VALUTAZIONE 8,5/10

H.E.

COMPLETO SUB ENG: POPULATION ZERO + SUBENG

I commenti sono chiusi.