PRINCESS KNIGHT CATUE (2010) di Ishiba Yoshikazu

La fantasia estrema giapponese nell’universo manga-anime è nota a tutti, ma le idee malsane del mondo “hentai”, genere pornografico che abbraccia i manga, anime e i videogiochi del sol levante, sono inarrivabili per i film porno in carne ed ossa. Nella moltitudine di questo genere, che raccoglie migliaia di appassionati anche in Italia, una mini-serie raccolta in tre volumi, Princess Knight Catue, si distingue per la moltitudine di abomini sessuali perversi e senza limiti.
Il titolo p un chiaro riferimento al noto manga di Osamu Tezuka (autore anche di Astro Boy) degli anni ’50. Niente favole in questo anime hentai ma solo incubi sessuali mostruosi e aberranti.

Ci troviamo nel regno di Drangundaala, terra dei discendenti dei sacri draghi. Il generale Guignol, comandante dell’esercito dei mostri demoniaci, invade con la forza questo regno pacifico ed imprigiona il re, la regina Nina e la loro figlia Catue. Quest’ultima, per salvare il regno dalla distruzione, accetta la proposta di Guignol. Diventare la schiava sessuale sua e dei suoi mostri per sette giorni e sette lunghe prove porno-estreme. Catue subirà un bagno di sperma da parte dei suoi soldati, perderà la verginità con un mostro-maiale di fronte al suo fidanzato Jin, sarà costretta a soddisfare gli appetiti sessuali di un mostro tentacolare, subire uno stupro di gruppo da parte di un gruppo di creature antropomorfe, finirà per avere un rapporto incestuoso con la madre Nina, scivolerà nella passione tutt’altro che dolce con il fidanzato Jin e finirà in un’orgia finale inenarrabile.

 

Le idee certamente non mancano agli autori di questo aberrante fantasy porno-estremo, dove l’eccesso aumenta con l’avanzare della storia.
Tutte le fantasie sessuali presenti nei porno realizzati fino ad ora, sono concentrate in questi 90 minuti, divisi in tre capitoli, che finiranno per stupire e divertire anche i più avvezzi ai film e anime più sconvolgenti dove sono presenti torture sessuali estreme e violente. Non manca nulla, dal sesso tentacolare, un must del Giappone da sempre, dalle doppie penetrazioni e gang bang mostruose, fino a rapporti incestuosi da brividi. Il tutto condito da un’ambientazione fantasy-demoniaca che fa sorridere e diverte non poco. Unica pecca, gli immancabili pixel nipponici. Anime estremo assolutamente imperdibile per appassionati e non del genere “hentai”. VALUTAZIONE 9/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: VOL 1 / VOL 2 / VOL 3

Precedente CHANNEL 309 (VII-IX) del 2017 di Marco Malattia Successivo THE VILLAINESS (Ak-Nyeo) del 2017 di Byung-gil Jung

Lascia un commento

*