SAVAGE (2009) di Brendan Muldowney

Paul Graynor, un mite fotografo, una sera, lungo le strade di Dublino, diventa vittima senza motivo di un violento attacco da parte di due giovani ragazzi, che lo lascia con cicatrici fisiche e mentali indelebili. Successivamente vediamo Paul cercare di venire a patti quanto gli è accaduto ed il suo desiderio di recuperare la sua virilità (fisica e mentale) per ottenere vendetta sui suoi aggressori……
Film irlandese scritto, diretto ed interpretato perfettamente, dove i coloro mono cromatici, la performance molto realistica di una post aggressione e la discesa nell’abisso più oscuro delle insicurezze di un uomo, ci accompagnano e ci guidano assieme al protagonista, nella sua ricerca di giustizia e vendetta personale……

Impossibile non citare Taxi Driver, per quanto concerne la discesa nella follia, violenta e desiderosa di vendetta della “feccia” che circonda il mite Paul. Per fortuna il film ha una sua personalità e struttura, allontanandosi subito dal mitico film di Scorsese, risultando originale ed esaltando l’attenta e minuziosa descrizione dei particolari. Tra i tanti ci tengo a sottolineare quando Paul sta uscendo dall’ospedale e mentre si trova nella carrozzina vi è un bambino che piange……quel momento vale tantissimo e dimostra la grande cura del regista nei particolari. Trovatosi all’improvviso privato del proprio futuro e costretto a vedersi tutti giorni allo specchio, la vergogna e l’umiliazione subita sono inesorabilmente destinate a perseguitarlo per tutta la vita. Il taglio dei capelli, la ricerca di armi per autodifesa, il desiderio di ritrovare una mascolinità smarrita (o forse mai avuta), lo porteranno in un mare di tenebra oscuro e senza fondo, dove la ricerca di vendetta ne offuscherà inesorabilmente la lucidità mentale.
Le sequenze più feroci e gore nel film sono poche e dosate con il contagocce, ma sono spaventose e brutali. (quella della pecora e quelle due nel finale sono realizzate da dio).

Nel film ritroviamo anche l’attrice irlandese Nora-Jane Noone, indimenticabile protagonista del drammatico MAGDALENE di Peter Mullan. Un film oscuro, drammatico ed estremo che vi trascinerà assieme al protagonista (un bravissimo Darren Healy) nel suo mondo senza speranza. Filmone! VALUTAZIONE 9/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: SAVAGE

Precedente LOS BASTARDOS (2008) di Amat Escalante Successivo EXCISION (2012) di Richard Bates Jr.