I SAW THE DEVIL (Angmareul bo-atda) del 2010 di Kim Ji-woon

Solamente con la scena d’apertura questo film si merita un posto nell’olimpo del cinema. Non solo estremo, perché l’idea malsana che il cinema violento e d’azione sia di serie B è una forzatura balorda opera delle mummie presenti nei vari festival ed accademie pseudo cinematografiche, che vogliono solo film esistenziali o peggio ancora storie romantiche da soap opera. Tranquillità e violenza, calma apparente e tensione a mille, quiete prima della tempesta, sangue misto a neve, sono tutti contrasti dei primissimi minuti, destinati a ripetersi in continuazione, come due facce della stessa medaglia. Una povera ragazza vede il diavolo, il quale a sua volta sarà tormentato da un altro diavolo, destinato quest’ultimo a visionarne un altro, questa volta interiore. I SAW THE DEVIL è un ‘revenge movie’ massimizzato in tutto, nella ricerca assoluta della vendetta e del dolore, nella prevaricazione totale e nell’eccesso di questi desideri, che finiranno per intrecciarsi vorticosamente in un ‘doppio revenge’ destinato a travolgere tutti.

La trama iniziale: una ragazza viene massacrata brutalmente da un pazzo maniaco. Il ragazzo della vittima, un agente speciale, riesce dopo un’indagine privata ad identificare l’assassino della fidanzata, senza ucciderlo, ma preparando per lui una vendetta a fuoco lento ancora più letale della morte…….                                             L’opera regina di Kim Jee-woon ha un pregio enorme. Dopo quasi due ore con il pedale schiacciato al massimo, grazie ad una serie di combattimenti, violenze, prevaricazioni, scene mozzafiato e continui e frenetici scontri, accelera incredibilmente nell’ultima mezz’ora, alzando ancora di più l’asticella dell’estremo, portando la storia e la lotta tra i due protagonisti a livelli di tensione ed adrenalina inimmaginabili.

Se i poliziotti coreani vengono, come consuetudine del loro cinema recente, descritti come degli incapaci, i due protagonisti sono magnetici, interpretati magistralmente da Lee Byung-hun e Choi Min-sik, che recitano probabilmente, il ruolo della vita. Il gatto ed il topo. Brillante, preparato e glaciale il primo, sporco, impulsivo e rozzo il secondo, il quale segue sempre e solo i propri istinti perversi e deviati. Veramente straordinari, coinvolgenti, complementari e di una caratura e professionalità assoluta ed invidiabile, per non dire irraggiungibile da parte di attori(ni) hollywoodiani osannati come divinità dall’universo bimbominkiesco. Regia superlativa, fotografia da togliere il fiato, scene d’azione impressionanti, sequenze estreme brutali, malvagie e very shock, musiche incalzanti e soprattutto la tensione dal primo all’ultimo minuto che non cala mai, nemmeno per un secondo, rendono I SAW THE DEVIL un vero capolavoro del nuovo millennio. Il ‘revenge movie’ definitivo, difficilmente superabile. VALUTAZIONE 10/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: I SAW THE DEVIL

I commenti sono chiusi.