SERIES 7: THE CONTENDERS (2001) di Daniel Minahan

Una commedia nerissima, assurda, cattiva e spietata con echi di BATTLE ROYALE, THE HUNGER GAMES ed alcuni episodi della serie Tv BLACK MIRROR, ma con una spina dorsale weird talmente robusta da far impallidire perfino il recente e mostruoso film dal folle titolo ‘Aaaaaaah!’
La trama, evidente parodia dei reality a tema sopravvivenza, narra di ‘The Contenders’, un reality show televisivo (in un ipotetico presente/imminente futuro) dove i concorrenti sono estratti a sorte ogni volta da una città differente e con l’aggiunta del campione in carica. E cosa devono fare i concorrenti per vincere e continuare il gioco? Uccidere gli altri e rimanere l’unico sopravvissuto della squadra di partecipanti al “gioco”. Alba Lagarto è l’attuale campionessa in carica. Ha vinto due volte il ‘giro della morte’ e ha solo bisogno di vincerne un altro per essere ‘libera’ e vincere il premio (una montagna di soldi).
Alba è incinta di otto mesi e spera di vincere la partita per il suo bambino. I prescelti vengono selezionati tramite una lotteria con il loro numero di previdenza sociale. I nuovi cinque concorrenti che dovranno vedersela con la determinata Alba sono: il suo ex amore di gioventù ora malato di tumore (ma non è lui il padre del bambino e questo sarà spiegato subito nei primissimi minuti), una vecchia e cinica infermiera, un vecchio pensionato, un’adolescente fuori di testa ed un padre (forse) di tre figli pronto a tutto………

Già nei primi due minuti il film parte a razzo, con la nostra protagonista incinta di otto mesi che entra come una belva furiosa in un supermercato e uccide un uomo con tre colpi di arma da fuoco a bruciapelo. Il proseguo del film sarà molto più estremo. La narrazione di tutto il film avviene in un mix tra black comedy e programmi tv che ricostruisco omicidi o eventi aberranti con attori improbabili (stile Real Time o Dmax per intenderci). Visivamente assomiglia ai videoclip anni ’90, colorati male e frenetici, mentre il linguaggio è scorrettissimo e le azioni sono talmente improbabili e grottesche che funzionano anche troppo bene, senza annoiare lo spettatore nemmeno per un secondo. La violenza, tanta, tantissima e senza rimorsi da parte dei nostri fenomenali concorrenti, è veramente esagerata. La protagonista, l’attrice Brooke Smith (famosa per essere la prigioniera nel pozzo del killer nel Silenzio degli Innocenti) è strepitosa, nel ruolo della “mamma incinta sanguinaria” con la pistola in pugno! Questo è uno dei film più folli, malati e ‘goduriosi’ visti finora. Una bomba weird nera e malata imperdibile e fighissima. Noi estremi ne vogliamo a palate di pellicole così. VALUTAZIONE 9/10

H.E.

COMPLETO (italiano): SERIES 7: THE CONTENDERS 

Precedente BULLET COLLECTOR (2012) di Aleksandr Vartanov Successivo WHITE DOG (1982) di Samuel Fuller