THE DEVIL’S PATH (2013) di Kazuya Shiraishi

cover1

THE DEVIL’S PATH (2013) di Kazuya Shiraishi

“Vivere a volte è difficile, ma morire lo è ancora di più”.

Un thriller giapponese che visiona le oscure trame della Yakuza più becera e viscida, quella degli strozzini e delle truffe assicurative, partendo dal fondo di chi vende la propria anima al diavolo, che ti sorride davanti per pugnalarti alle spalle.
Il detenuto Sudo, uno Yakuza, invia una lettera alla rivista giornalista Fujii. Nella sua lettera afferma che un uomo di nome Kimura, noto anche come “dottore”, è stato suo complice e mandante di numerosi omicidi per truffare delle assicurazioni.
Un giornalista d’assalto inizia a credere alla storia di Sudo ed comincia ad indagare, trovando sempre più riscontro e credibilità nelle confessioni del pentito Sudo…..

p1 p2

Un film legnoso e macchinoso per circa tre quarti d’ora, ma poi, quando inizia la ricostruzione degli eventi nelle mente del giornalista ci sarà da divertirsi, con recitazioni e sequenze disturbanti, dove ritroviamo un tema ricorrente nel cinema giapponese recente (es. COLD FISH di Sion Sono), ovvero dello squalo che divora il pesce più piccolo per sopravvivere, ma mostrando così il male oscuro e primordiale che alberga in ognuno di noi, nessun escluso.
Si passa dal giallo poliziesco d’indagine giornalistica ad un crime movie spietato e crudissimo, con dei momenti nerissimi, violenti e cupi degni dei migliori film estremi del sol levante.

p3 p4 p6

Il film risente forse della durata eccessiva (128 min), la quale sommata alla succitata prima parte rischia di appesantire troppo la pellicola. Questo però non toglie il merito al brillante cambio di passo nella parte centrale, decisamente accattivante, avvincente e forza trainante di tutta la pellicola. Discreta la parte finale, molto riflessiva e rassegnata. I concetti di lealtà e fratellanza ad ogni costo di una mafia vista come una criminalità elegante anche se letale, vengono meno, divorati dall’ingordigia e dal tradimento per il solito dio denaro, naturalmente macchiato con il sangue.
THE DEVIL’S PATH, ispirato ad una storia vera, è un film non perfetto (alcune recitazioni sono discutibili), ma ha il pregio dell’originalità e di mostrare angoli nascosti dell’anima, spesso divoratrice di sé stessa. Consigliato. VALUTAZIONE 8/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: THE DEVIL’S PATH + SUBITA

p7

I commenti sono chiusi.