THE EVIL WITHIN (2017) di Andrew Getty

La storia dietro a questo film è pazzesca ed incredibile. La produzione per questo film ha avuto inizio nel 2002, ma ha avuto diversi ritardi a causa di problemi di finanziamento (film quasi tutto finanziato dallo stesso regista), conflitti con alcuni attori del cast e diverse cause legali per svariati motivi. Il film è stato finalmente completato nel 2008, ma il regista, il quale ha preso ispirazione dai suoi incubi d’infanzia per la sceneggiatura, era ossessionato dal montaggio finale del film e ha trascorso molti anni per perfezionarlo. Andrew Getty è morto nel 2015 all’età di 48 anni dopo una vita di eccessi ed uso esagerato di metanfetamína, ma il film ha visto finalmente la luce nel 2017 grazie al produttore Michael Luceri.
La pellicola narra la storia di Dennis, un ragazzo solitario, con problemi mentali di diversa natura e che fa ‘amicizia’ con la sua immagine riflessa in uno specchio antico. Questo suo doppione demoniaco inizia ad ordinargli prima di uccidere animali innocenti e poi persone, compresi bambini, mettendo a rischio anche le persone a lui più care come suo fratello maggiore, ossessionato dai sensi di colpa e dal difficile rapporto con Dennis…..

Pur sentendo il peso degli anni, in alcuni passaggi si nota, il film riesce a sorprendere continuamente grazie ad atmosfere cupe e misteriose, a diversi effetti ‘old style’ realizzati egregiamente con alcune sequenze in stop-motion originali e brillanti, destinate a stupire non poco durante la visione. Ottima l’interpretazione dell’attore Frederick Koehler, più avvezzo alle serie Tv, nei panni del disturbato Dennis.
Il film, nonostante il grande fascino dovuto alla sua gestazione, ha dei momenti di ripetitività e di calo abbastanza evidenti nella parte centrale, dovuti probabilmente al succitato montaggio complicato e anche ad alcune forzature nella sceneggiatura, ma nel complesso è decisamente riuscito. Tra le parti più sorprendenti abbiamo sicuramente l’introduzione iniziale, un immenso luna park ad occhi aperti e l’ultimo quarto d’ora, dove assistiamo ad un bignami del cinema fantastico che vive dell’illusione e della fusione realtà-finzione fin dai tempi del cinema antico del gigante Georges Méliès.

Alcuni attori, come il fratello di Dennis, l’attore Sean Patrick Flanery ed il “fottipolli” Michael Berryman, costretto quest’ultimo ad un ruolo secondario, hanno lasciato spesso a desiderare. Con estremo piacere abbiamo rivisto la bella Dina Meyer, nei panni della fidanzata del fratello di Dennis, indimenticabile protagonista del mitico “Troopers Starship” di Paul Verhoeven.
Un film anomalo e diverso dal cinema horror convenzionale, in grado di miscelare fantastico visivo e dramma psicologico senza scivolare nella banalità. Una gradita sorpresa che renderà felici gli appassionati del cinema strano e bizzarro, senza rinunciare alla violenza, non destinato al grande pubblico, A fine visione capirete finalmente l’esatta funzione dell’estintore 😀 !
THE EVIL WITHIN, catalogabile in linea di massima nei film con doppie personalità, è un horror psicologico (comunque di difficile catalogazione in un genere horror ben specifico) che non deve mancare nel proprio archivio e destinato in futuro a divenire un piccolo cult. Consigliato! VALUTAZIONE 8,5/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: THE EVIL WITHIN

Precedente NIGHT WILL FALL (2014) di André Singer Successivo THUNDERCRACK! (1975) di Curt McDowell