THE GREEN ELEPHANT (Slonik Zelyonyy) del 1999 di Svetlana Baskova

13938422_158011661301009_6812183777602634171_n

Merda, violenza, gore, depravazione, follia….questo è THE GREEN ELEPHANT, opera prima di Svetlana Baskova, regista russa avvezza al cinema grottesco e bizzarro. Il film è ambientato in un pseudo carcere putrido e malsano dell’Unione Sovietica nel 1986 (forse), con solo quattro personaggi: Bratishka e Poekhavshiy (i detenuti, che dall’abbigliamento e dall’atteggiamento sono due ex sotto ufficiali dell’esercito sovietico), il “capitano” ed una guardia (il colonello?). Il film inizia con i soli Bratishka e Poekhavshi, con quest’ultimo che racconta una serie di aneddoti del passato, deliranti e sempre più sporchi e lerci, cantando la canzone circense “Green Elephant”.

13935071_158011964634312_2530983234412699121_n 13939564_158012444634264_4912788140087866303_n

Il più giovane dei due, Bratishka sembra sempre più in sofferenza e non sopportando più il compagno chiacchierone, lo massacra di botte, intimandolo di stare zitto. Bratishka dopo essersi addormentato, ha un brusco risveglio ad opera del suo amichevole e malato compagno di cella, perché lo accoglie con un bel piatto di feci appena sfornato. Dopo una serie di deliri allucinanti intervengono gli altri due personaggi succitati. Da li in poi cambia la location ed inizia uno dei più luridi e feroci macelli gore della storia del cinema estremo.

13962517_158011844634324_5062120775762987096_n 14034761_158011701301005_19302506185082926_n

Una pellicola dove i cali di tensione non sono contemplati, nonostante la scarsa qualità video, sembra una VHS ritrovata dopo decenni, con delle riprese quasi in stile Fred Vogel. Nelle due stanze simili ad un porcile, dove i nostri marci “compagni” si “divertono”, perfino ai protagonisti allucinati di “CRAZY MURDER” e “THE BRIDE OF FRANK” scatterebbe il desiderio incontrollabile di farsi una doccia. Le scene di coprofagia, di docce d’urina, di depravazione sessuale, di budella sparse, di sangue e marciume vario non si dimenticheranno facilmente, questo è poco ma sicuro. Se poi nel film ci sono critiche all’esercito sovietico o russo post Perestroika, poco importano allo spettatore, perché l’unica preoccupazione durante e a fine visione è……non vomitare 😀

14054041_158012411300934_98063908212345042_n 14055080_158011724634336_3219313459139071337_n

Uno dei film più estremi di sempre, su questo non ci sono dubbi. Se non è da medaglia d’oro, almeno la zona podio è assicurata. VALUTAZIONE 9/10

H.E.

 

COMPLETO SUB ITA: THE GREEN ELEPHANT

 

Precedente COLD FISH (2010) di Sion Sono Successivo APPLECART (2015) di Dustin Mills