THE HOURGLASS SANATORIUM (Sanatorium pod klepsydrą aka La Clessidra) del 1973 di Wojciech Has

Film polacco immenso e precursore del cinema più weird e visionario degli ultimi quarant’anni. Unite Zulawski, Buñuel e Jodorowsky e forse vi avvicinerete al surrealismo iper grottesco e visionario di quest’opera esteticamente spettacolare, dove passato, presente, futuro, ricordi, emozioni, rimpianti e la Storia con la S maiuscola si fondono in un’opera unica ed irripetibile. Polonia anni ’30. Jozef dop aver viaggiato su uno strano treno diretto ad un sanatorio per vedere il padre morente, giunto sul posto troverà con stupore un edificio caduto in rovina, ma solo dall’esterno. Entrato nell’edificio, dove la notte non giunge mai, inizierà un viaggio onirico ed assurdo nello spazio e nel tempo, suo e della storia. Prostitute, soldati di cera, mercenari, le donne della sua vita ed i suoi genitori lo accompagneranno in questo strano viaggio con il tempo limitato da una clessidra, simbolo inequivocabile del nostro tempo limitato….

Il sovrapporsi di diversi piani temporali, di analisi interiori virtuose e bizzarre, accompagnate da sequenze corali e colorate in costume con filosofici narrazioni sulla relatività ed il subconscio, finiranno per catapultarci in un mondo parallelo, fantastico e grottesco, che rispecchia desideri e rimpianti della vita passata di Jozef, ma anche quella nostra, spettatori fortunati di quest’opera poderosa. Il film nel 1973 fu premiato anche a Cannes, arrivato clandestinamente in quanto i primi anni ’70 vedevano la cortina di ferro, tra Est ed Ovest, mai così alta nel cuore dell’Europa. Questa pellicola, incentrata sui rapporti tra la memoria, il ricordo ed il sogno lucido, trae ispirazione dalle due storie di Bruno Schulz, ‘Le botteghe color cannella’ ed ‘Il sanatorio all’insegna della clessidra’. Tutti noi desideriamo fermare a volte il tempo per poter dire o rivedere alcuni passaggi a vuoto del nostro passato, soprattutto se i referenti sono familiari perduti o prossimi a lasciarci.

LA CLESSIDRA (titolo italiano) è un film che ha influenzato non poco tutto il cinema visionario ed onirico degli ultimi 40 anni, avanti anni luce per l’epoca. Regia superlativa, fotografia poderosa, situazioni weird ai massimi livelli ed interpretazioni indimenticabili a fine visione, molto triste e drammatico, promuovono questo film a capolavoro immortale della storia del cinema! VALUTAZIONE 10/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: THE HOURGLASS SANATORIUM + SUBITA

Precedente STRINGS (2004) di Anders Rønnow Klarlund Successivo RESOLUTION (2012) di Justin Benson & Aaron Moorhead