THE HUMAN CENTIPEDE 2 (Full Sequence) del 2011 di Tom Six (+ versione a colori)

14095861_240104349723802_1977068811189438588_n

Raramente il secondo capitolo di una saga cinematografica è migliore del primo. Con THC2 il regista olandese Tom Six si supera, realizzando il torture-gore più estremo e malato del nuovo millennio. Con un nuovo cattivone lontano anni luce dal freddo e chirurgico Dr. Heiter del primo film.
Martin, il protagonista bizzarro di questo film, è un ometto grassoccio simil Fantozzi, sfigatello e un pò nerd. Al posto di ‘snerdarsi’ al PC passa le sue giornate tormentato dalla madre e dal vicino di casa, e soprattutto a cullare insetti centopiedi e “studiare” un book da brivido, una mini enciclopedia accurata e dettagliata sull’operazione del primo film THE HUMAN CENTIPEDE del 2009. La sua ammirazione e fanatismo nei confronti del film di Six, lo porterà a fantasticare su un ipotetico centopiedi umano con più persone, 12 per la precisione. Il passaggio da sogno a solida realtà è immediato. Dopo aver affittato un capannone sporco e degradato, inizierà a collezionare esseri viventi per dar vita ad un centopiedi umano. Il suo pezzo da collezione e futura testa della sua nuova creatura sarà l’attrice Ashlynn Yennie, una delle due ragazze protagoniste del centopiedi umano del primo film. Quest’ultima interpreta sé stessa nel film e viene miseramente ingannata dal paffuto Martin, che le promette una parte nel nuovo film di Quentin Tarantino.
I metodi di “reclutamento” da parte di Martin, per creare la nuova “bestia multipla”, saranno tutt’altro che dolci, caratterizzati da una ferocia e brutalità che non conosce limiti, nemmeno quando si tratta di catturare una donna incinta. Gli strumenti asettici e chirurgici del Dr. Heiter del primo capitolo vengono sostituiti da Martin con seghe, martelli e nastro adesivo……tutto questo darà vita alla più grande sagra del gore della storia del cinema. Se sua uscita Tom Six ha preferito commercializzare il film in bianco e nero, con un risultato più che buono, per nostra fortuna, nell’ottobre 2015 Six ha rilasciato, tramite un nuovo cofanetto della trilogia, dal titolo THE HUMAN CENTIPEDE – THE COMPLETE SEQUENCE, comprensivo di finali alternativi, versioni UNCUT dei tre film, compreso il terzo capitolo uscito sempre nel 2015 e soprattutto della versione a colori di questo aberrante THC2. Una gioia per gli occhi e lo stomaco, con il rosso del sangue che sembra esplodere in faccia allo spettatore, e con litri di vomito e merda in tutto il loro splendore multicolore. L’opera “nuova” a colori è il ‘non plus ultra’ del cinema estremo e iper gore. Nessun film del passato può vantare un’estremizzazione della tortura e della malvagità come il secondo centipede in ‘technicolor’. Per molti il centipede umano è divenuto una macchietta, per altri è semplicemente una stupidaggine …..se però amate il cinema più estremo dove il connubio merda-sangue-tortura ne rappresenta la spina dorsale, con il secondo centipede raggiungerete il massimo del godimento visivo. Un bomba gore da vedere e rivedere più volte. Strepitoso, almeno per gli appassionati di questa balorda ed aberrante trilogia! VALUTAZIONE 9,5/10

H.E

COMPLETO SUB ITA VERSIONE B&W: THE HUMAN CENTIPEDE 2

COMPLETO SUB ITA VERSIONE A COLORI: THE HUMAN CENTIPEDE 2  (by HorrorPills)

 

13625391_240104773057093_2042715149183936481_n 14021677_240104789723758_468579366147377618_n 14079586_240105029723734_4020265966492714901_n

Defaced

human-centipede-2-full-sequence-movie-image-02 the-human-centipede-2-is-the-film-that-made-me-love-life-325-body-image-1415900650-png

14100470_240106073056963_8544377136005111661_n 14102538_240106126390291_8610920441173848341_n 14102578_240105743056996_3727953469113547156_n 14102625_240105993056971_5385225770427284382_n 14117847_240104356390468_8703996076892590670_n 14141636_240104353057135_1735930511998339609_n 14141851_240105869723650_6801469717883028364_n 14184576_240106076390296_6443332484817731619_n 14191935_240105783056992_5281268169459752239_n 14199726_240105116390392_3298205727454845819_n

 

Precedente NOTHING BAD CAN HAPPEN (2013) di Katrin Gebbe Successivo BRIDGEND (2015) di Jeppe Rønde