THE INVISIBLE WAR (2012) di Kirby Dick

 

Preti pedofili, genocidi di massa, violenze domestiche, abusi sessuali nelle forze armate di tutto il mondo e tantissime altre scomode e drammatiche sono stati spesso oggetto di omertà e silenzi imbarazzanti, nel corso della storia, da parte di vertici politici, religiosi e militari. A mettere in luce oggigiorno queste delicate tematiche arrivano in nostro aiuto, oltre ai mass media, anche dei documentaristi di fenomenale bravura, come Kirby Dick, uno dei migliori in questo particolare genere, con alle spalle lavori di ottima fattura apprezzati da critica e pubblico (ved. Sick: The Life and Death of Bob Flanagan, Supermasochist). THE INVISIBLE WAR rappresenta uno dei vertici dell’investigazione giornalistica mostrata in un documentario, con una alternanza perfetta di numeri scioccanti, interviste emotivamente potenti e riflessioni lucide su un problema affrontato con decisione e con una meticolosità e conoscenza del problema fuori dall’ordinario, ovvero gli abusi e violenze sessuali nelle forze armate americane. Tale problema, da tempo oggetto di dibattito nei mass media americani e non solo a causa di numerosi scandali avvenuti nelle forze armate statunitensi dagli anni ’90 in poi, viene mostrato al grande pubblico e di conseguenza ai vertici militari e politici a stelle e strisce, costringendo quest’ultimi un’inevitabile revisione di leggi e regolamenti in merito. Violenze sessuali sulle donne militari e non solo, in quanto, anche se in minoranza, le violenze sessuali coinvolgono anche gli uomini, come risulta dai numeri presentati nel documentario (20.000 abusi denunciati dove circa il 20% sono uomini).

Kori, Arianna, Elle, Jessica, Hannah e Michael , tutti ex-militari, sono alcuni dei malaugurati protagonisti (in tutto sono circa un centinaio quelli intervistati) di questo documentario, con le lo loro storie devastanti, il ricordo doloroso degli stupri e dei loro aggressori, i problemi post trauma e l’emarginazione da parte dei vertici militari dopo aver avuto il coraggio di denunciare le violenze sessuali e fisiche subite. Sicuramente Kori rappresenta una delle protagoniste più martoriate e destinate a lasciare il segno a fine visione. Oltre ad essere stata stuprata ha subito la rottura della mascella, con devastanti conseguenze fisiche e psicologiche per lei, ma anche per suo marito e la loro figlia, dove lo spauracchio terribile del suicidio è destinato a fare capolino più volte nella sua vita ed in quella della altre vittime.
Una visione a 360* del problema senza sconti per i vertici militari, spesso volenterosi di lavare i panni sporchi in famiglia, costringendo così le vittime a processi militari dove i condannati come colpevoli risultano essere alla fine una percentuale ridicola rispetto alle denunce, nemmeno l’uno %.
Un documentario emotivamente potente, che mette in luce le conseguenze devastanti degli stupri subiti e le inevitabili conseguenze, alquanto distruttive, sociali e personali delle vittime. Un’opera che deve fare riflettere tutti, non solo gli americani! VALUTAZIONE 9/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: THE INVISIBLE WAR + SUBITA

 

Lascia un commento

*