THE VOID (2017) di Jeremy Gillespie & Steven Kostanski

Solamente dei registi cresciuti a pane e & fanta-horror fine ’70 e primi anni ’80 potevano sfornare un opera nuova, brillante e riuscita come questa, che profuma di omaggi in ogni sequenza ed inquadratura. Dopo FATHER’S DAY e MANBORG, opere più o meno riuscite come omaggio al cinema del passato, il tentativo di alzare l’asticella della qualità. da parte dei due registi, riesce perfettamente, con un continuo crescendo di tensione destinato a culminare in un finale sci-fi aperto a mille interpretazioni.
Durante un pattugliamento di routine, il poliziotto Daniel Carter si imbatte su un ragazzo insanguinato e zoppicante sul ciglio di una strada deserta. Si precipita con il misterioso giovane in un ospedale rurale prossimo alla chiusura e gestito da un personale medico ridotto, tra i quali vi è anche la sua ex moglie. Qualcosa di tremendo ed inspiegabile sta accadendo all’interno dell’ospedale, divenuto improvvisamente ostaggio di un misterioso e numeroso gruppo di incappucciati, appartenenti ad una misteriosa setta ed assetati di sangue. Daniel, dopo aver freddato un’infermiera impazzita desiderosa di ucciderlo, con un paio di volontari deciderà di inoltrarsi nei sotterranei dell’ospedale per porre fine a questo incubo, scoprendo l’inferno sulla terra, con corpi mutilati e deformi, mostri assetati di sangue, incubi ad cocchi aperti e forse un nuovo dio……

THE THING di John Carpenter e ALIEN di Ridley Scott sono due mostri sacri del cinema fanta-horror del passato, inarrivabili probabilmente, ma THE VOID riesce almeno nell’impresa, complicata, di ricreare quelle atmosfere, oramai nostalgiche, cariche di tensione elettrica ed innaturale che hanno fatto impazzire intere generazioni. Effetti speciali poderosi, che miscelano mostri spaventosi e lovecraftiani ad altri che ricordano anche la ‘trilogia della morte’ del nostro Lucio Fulci. Il tutto supportato da una colonna sonora semplice ed incisiva ma priva del tormentone martellante alla SOUTHBOUND, film antologico dell’anno scorso.
Violenza estrema (ottima e tanta in questo movie) e fantascienza visionaria, con al centro la procreazione aliena utilizzando il corpo umano, femminile in particolare, sono spesso difficili da coniugare. THE VOID vince nell’impresa ardua di amalgamarli, risultando credibile pur narrando un cinema fantastico ed inverosimile. Un piccolo grande gioiello fanta-horror destinato a divenire, forse, un riferimento per le nuove generazioni di appassionati dei generi sopra citati. Promosso! VALUTAZIONE 8,5/10

H.E.

COMPLETO SUB ITA: THE VOID + SUBITA (sub ita realizzati da VAZ di www.bowlingballfansubs.it)

(allego anche la font da installare, se non l’avete già installata in precedenza, necessaria per visualizzare correttamente i sub ita: Raleigh-BT-Roman )

 

Precedente MECANIX (2003) di Rémy M. Larochelle Successivo CONTRACTED (2013) di Eric England