YOUR FLESH, YOUR CURSE (2017) di Kasper Juhl

 

Kasper Juhl, giovane regista danese di soli 27 anni, continua a alzare l’asticella dell’estremo e della qualità ad ogni suo nuovo lavoro. Sulla scia di tematiche già visionate nel suo ‘torture movie’ MADNESS OF MANY e utilizzando nuovamente (come per PALINDROMES di Todd Solondz e MY NAMES IS A di Shane Ryan) molteplici attrici per il medesimo ruolo, Kasper Juhl sforna un dramma estremo indipendente esteticamente avvincente, merito di una fotografia capace di catturare al meglio le tetre e gelide atmosfere nordiche abbinate a tematiche forti come la tossicodipendenza e la violenza sessuale.
Quando la giovane tossicodipendente Juliet White muore, non si trova all’inferno ma in un limbo senza tempo. Costretta a rivivere i traumi e gli abusi subiti nella vita terrena, viene guidata da una misteriosa figura mascherata, la quale, la costringe a fare i conti con quanto subito per salvare la propria anima ……
Diviso in cinque capitoli, dove ognuno indica le diverse sofferenze subite da parte di Juliet, ‘YOUR FLESH, YOUR CURSE’ alterna continuamente torture a violenze subite, tra le quali quella raccontata e non visionata afferente gli abusi subiti dal padre (risultando la più agghiacciante), finendo poi per stupire ad ogni step e revisione amara di quanto subito. Se la morte è scioccante e sconsigliata assolutamente ai minori, non meno inquietanti sono le parti che mostrano la sua tossicodipendenza e la prostituzione del proprio corpo da parte di Juliet a soggetti sempre poco raccomandabili. A brillare ed aggiungere originalità alla sceneggiatura sono le seconde possibilità concesse a Juliet post mortem, ovvero di affrontare i suoi demoni, rappresentati dal suo assassino, le sue amiche e tutti quelli che hanno abusato del suo corpo e della sua anima.
Una sanificazione estrema della sua anima sporca, contorta e virtuosa, impreziosita da un comparto artificioso che mescola sapientemente cannibalismo, erotismo, abusi sessuali, torture di sicuro impatto visivo con le catene (amatissime dal regista, come appurato in MADNESS OF MANY) e acqua (forse le migliori della pellicola), sicuramente non santa.
Una pellicola horror ed estrema realizzata con una cura maniacale dei dettagli e particolari, dove la fusione del dramma personale con l’estremo ed una parte sovrannaturale (soggettiva, perché tutto potrebbe essere frutto dei suoi ultimi secondi di vita) appare sostanzialmente riuscita, nonostante una difficoltà (a volte forzata e quindi evidente) nell’amalgamare le diverse personalità mostrate con la figura unica di Juliet.
Un vero gioiello estremo del cinema indipendente contemporaneo! VALUTAZIONE 8/10

 

H.E.

Precedente LA FIAMMIFERAIA (Tulitikkutehtaan tyttö) del 1990 di Aki Kaurismäki Successivo L'INGORGO (TRAFFIC JAM) del 1979 di Luigi Comencini

Lascia un commento

*